Nocera Inf: primo appuntamento con “La Città incantata”

cittaincantata1
Nocera Inf: via alla terza edizione de “La Città incantata”
11 marzo 2016
maiorino-prima
Nocera Inf: proseguono le proiezioni per “La Città Incantata”
11 marzo 2016

Nocera Inf: primo appuntamento con “La Città incantata”

maiorino-prima

“Non essere cattivo” è il film scelto dal Film Festival per inaugurare il ciclo sulla legalità. Una mattinata di confronti e dibattiti con i ragazzi della secondaria

di Annamaria Norvetto

Si è svolto oggi presso il cinema “Sala Roma” di Nocera Inferiore, l’incontro con “La Città incantata” e gli studenti delle scuole territoriali. Il Film Festival ha accolto in mattinata circa 360 ragazzi provenienti dall’Istituto Alberghiero “Domenico Rea” di Nocera Inferiore, accompagnati dai propri docenti per assistere alla visione del film “Non essere cattivo”, del regista Claudio Caligara, portato fuori concorso alla recente Mostra del Cinema di Venezia.

L’evento, presentato dal professore e coordinatore artistico del Festival Antonio Maiorino, è stato caratterizzato da una prima fase di introduzione e visione della pellicola, alla quale è seguito un acceso dibattito con gli studenti sui personaggi e sui contenuti tematici del film.
Un’ottima occasione, quella di sfruttare il tema della legalità, per lasciarsi affascinare dall’immediatezza del cinema che, con “Non essere cattivo”, racconta di una periferia romana abbandonata a se stessa esattamente come lo sono i protagonisti della pellicola: Cesare e Vittorio, due amici d’infanzia, cresciuti in luoghi e circostanze in cui l’unico modo per sopravvivere alla violenza sembra essere quello di tirar fuori il lato peggiore di sé. «E’ anche un tributo a Claudio Caligari – ha aggiunto il direttore artistico Antonio Maiorino – purtroppo scomparso poco dopo la fine delle riprese. Il suo cinema è sincero e va dritto al cuore. Proporre “Non essere cattivo” ha lo scopo d’incoraggiare la crescita di sguardi nuovi su quel cinema a volte invisibile, ma di grande qualità ed impatto: si parla di legalità, ma si parla soprattutto di come guardare il nostro tempo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *